Proprio cosí! Con questo articolo andremo ad illustrare tutto ciò che c’è da sapere sul famoso visto tanto in voga tra i giovani di tutto il mondo…

Ecco a voi il visto più ricercato, il più diffuso nella fascia d’età 18-30 anni, noto a tutti per la sua “apparente” semplicità d’utilizzo. Il visto più popolare e facile da ottenere, il visto per il quale i giovani farebbero “carte false” pur di ottenerne un secondo!
Ebbene si Ladies and gentlemen, ecco a voi il visto che si contraddice nel suo stesso nome, il visto che fa guadagnare all’Australia milioni di dollari all’anno (come del resto tutta l’immigrazione in Australia), signori ecco a voi il visto “Vacanza-Lavoro”… Il famigerato WORKING HOLIDAY VISA!

Partiamo col dire che l’intento di questi 2 post non è ASSOLUTAMENTE quello di scoraggiare chiunque abbia intenzione di intraprendere la strada del working holiday visa, bensí il nostro obiettivo è quello di aprire gli occhi e dare informazioni un pò più crude riguardo il vero volto di questo famosissimo visto, anche se questo significa essere decisamente in controtendenza rispetto alla moltitudine di articoli a blog vari che decantano le bellezze e gli innumerevoli vantaggi della vita da “Working Holidiero”.

Inizieremo parlando delle info “noiose”, ma che sono poi quello che la maggior parte di coloro i quali si apprestano a richiederlo vogliono sapere, se non vi interessa, o conoscete già tutte le info di base, saltate pure questa parte e leggete cosa NON vi farà piacere sapere riguardo questo visto.

CHI / COME / DOVE / QUANDO / PERCHÈ?
working holiday visa - Vado a Vivere in AustraliaDetto questo, partiamo col descrivere CHI può richiederlo, ovvero tutti coloro i quali:
-Hanno un’età compresa tra i 18 anni (compiuti) ed i 31 (non compiuti);
-Possiedono un passaporto valido rilasciato da uno dei paesi coinvolti nel programma (l’Italia è uno di questi)
-Non abbiano intenzione di portare con se “dependants” ovvero partners, figli, fratelli, genitori (i quali dovranno dunque possedere un valido visto per entrare in Australia).
-Non abbiano già soggiornato in Australia con il visto “Working and Holiday”, sottoclasse 462 in passato.
-Abbiano la “genuina” intenzione di visitare l’Australia per vacanza, lavorando per mantenere le spese della stessa.

E qui, sul termine genuino, potremmo aprire un capitolo a parte…

Sottolineamo che questo visto può essere richiesto UNA SOLA volta nella vita, fatto salvo per l’estensione di 1 anno di cui parleremo più tardi.

Come richiederlo?
Attraverso il sito dell’immigrazione australiana www.immi.gov.au, qualora non siate in grado di districarvi all’interno di esso o qualora non riusciate a procedere alla richiesta per vostro conto (il sito è chiaramente in lingua inglese), valutate l’idea di approfondire la conoscenza dell’inglese prima di andare avanti. Difatti consideriamo la richiesta dello stesso come una specie di “selezione naturale”, se al primo step chiedete aiuto, non vogliatecene ma, prendetevi del tempo prima di preparare la valigia.

Dove?
Non in Australia… Esattamente, non pensate di venire in Australia con un visto turistico o da studente e poi applicare per il working holiday da qui, l’immigrazione Australiana lo proibisce.

Perchè richiederlo?
A questa domanda preferiamo che a rispondere siate voi ; )

COSTI PER LA RICHIESTA DEL WORKING HOLIDAY VISA
L’attuale costo da coprire è (ultimo aggiornamento) di $460/310 Euro, ma il prezzo può variare di anno in anno, consultando questo sito potrete calcolarlo facilmente per vostro conto.

HO BISOGNO DI PORTARE MOLTI SOLDI CON ME?
quanto soldi portare... working holiday visaSe volete dormire su di un materasso, avere un tetto sulla testa o anche solo oltrepassare l’immigrazione, SI! In teoria, il sito dell’immigrazione stima una quota necessaria di AUD $5000, ovvero circa 3500 euro, ma anche qualcosa in meno vi basterà per le prime spese, ed il controllo sui propri averi non è poi cosí dettagliato. Con una conoscenza base dell’inglese non sarà difficile trovare il primo “lavoretto” ma considerate almeno 1 mese come tempo necessario per trovarlo e quindi, durante il quale dovrete mantenervi con ciò che avete in tasca.

BIGLIETTO AEREO… Andata e ritorno???
Il sito dell’immigrazione non impone di possedere un biglietto di ritorno e a nessuno di nostra conoscenza è stato mai chiesto di dimostrarne il possesso, vero è che è però specificato di dover possedere i soldi necessari per l’acquisto del biglietto di ritorno.

QUANTO TEMPO POSSO LAVORARE?
Il visto consente di lavorare per un massimo di 6 mesi per lo stesso datore di lavoro… Molti, anzi moltissimi, continuano a lavorare per lo stesso datore di lavoro passati i 6 mesi, passando sotto un altro ABN (Australian Business Number), l’equivalente della partita IVA. Noi, ammesso che siate davvero innamorati del vostro posto di lavoro, con tutta franchezza, ci sentiamo di sconsigliarlo.

QUANTO POSSO GUADAGNARE?
Qualsiasi cifra riusciate ad accordare col vostro datore di lavoro ; )
Già perchè c’è da ammettere che qui la negoziazione dei contratti è molto efficace pertanto non esiste una paga massima/oraria, per fortuna ne esiste una media, circa AUD$16/ora. In linea di massima considerate che un cameriere potrà percepire tra i $16 ed i $20 l’ora in base alla sua capacità ed esperienza, lo stesso dicasi per un kitchen hand (colui che assiste i cuochi in cucina con le preparazioni), mentre un cuoco o un pizzaiolo può aspirare a cifre più alte. Perchè abbiamo nominato queste categorie? Perchè un’altissima percentuale dei nostri connazionali cerca immediatamente un lavoro nel campo dell’hospitality, anche se questo, ci teniamo a sottolinearlo, molto spesso vi porterà a dover accettare paghe sotto il minimo sindacale, condizioni di lavoro stressanti ed una mai (qualora lavoriate in ristoranti Italiani) buona conoscenza della lingua inglese.
Altri lavori possono garantire paghe più o meno alte, per lavare le auto vi verranno riconosciuti circa $14/ora (si è sotto il minimo ma è quasi sempre in nero), se siete altamente specializzati e con un ottimo inglese e riuscite a trovare lavoro come specialista IT o ingegnere ad esempio, allora potreste anche vedere paghe dai $28/ora in su.

CONTANTI o CARTA?
Qui in Australia le carte di credito sono accettate nel 98% delle attività commerciali, quindi il nostro consiglio è di arrivare con una minima somma di contante, nell’ordine dei $250-350 cosí da far fronte alle prime necessità e poi prelevare qui il resto o pagare direttamente con carta.

POSSO STUDIARE DURANTE LA MIA PERMANENZA?
Questa domanda non è poi cosí frequente ma è sempre bene saperlo, si può frequentare un corso di studi durante il working holiday visa, ma per la durata massima di 4 mesi? Perchè solo 4 mesi? Perchè per corsi più lunghi dovrete applicare per uno student visa che, ovviamente, ha un prezzo maggiore!

POSSO USCIRE E RIENTRARE QUANDO VOGLIO?
Si, durante il periodo di validità del visto potrete uscire dall’Australia e rientrarvi tutte le volte che volete.

SONO FOLLEMENTE INNAMORATO DEL WORKING HOLIDAY VISA… POSSO AVERNE UN ALTRO?
vado a vivere in australia - working holiday visaNon funziona esattamente come al bancone di un bar ma… SI! Se hai non hai ancora compiuto 31 anni al termine del tuo primo WHV allora potrai chiederne un altro… MA…
A patto che siano stasi spesi almeno 88 giorni svolgendo uno dei lavori elencati nella lista che potete consultare sul sito dell’immigrazione. Si tratta per lo più di lavori in farm (fattoria) che vanno dal picking (raccolta della frutta), allevamento del bestiame, ma anche alla raccolta delle perle.
Non è necessario lavorare 88 giorni per lo stesso datore di lavoro, ma un totale di 88 giorni anche se distribuiti su diversi datori di lavoro.
Una nota particolare a riguardo: NON accettate compromessi, NON pagate nessuno per falsificare i documenti relativi alle farm, se lo specifichiamo è perchè ovviamente tantissimi ragazzi lo hanno fatto, ma molti di loro son stati rispediti in Italia non appena beccati.

Questa era una carrellata di tutte le info che normalmente cerca chi per la prima volta sfiora l’idea di emigrare in Australia, speriamo l’articolo in questione vi abbia schiarito le idee riguardo questa opportunità concessa ai giovani ragazzi in cerca di una nuova avventura. Vi consigliamo caldamente di proseguire con la lettura di “Working Holiday Visa: tutte le stronzate alle quali NON dovete credere” per capire al meglio quali aspetti negativi si celano dietro questo “strumento” fornitoci dalle autorità Australiane, buona lettura!

Come sempre, per qualsiasi necessità o dubbio, non esitate a contattarci… Cliccando qui!

11 Commenti